(09/11/2012) - Modena, tre mostre e un convegno per la IV edizione del Premio Manzi

Bologna – Con tre mostre, un convegno e altre iniziative che culmineranno nella serata per la quarta edizione del Premio Alberto Manzi, si apre al Foro Boario di Modena “Educare a pensare”, serie di appuntamenti incentrati sul tema dell’educazione scientifica. L’organizzazione è a cura del Centro Alberto Manzi composto da Regione Emilia-Romagna, Università di Bologna, Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca e Rai.

Le mostre

All’interno del Foro Boario modenesesi potranno visitare tre mostre. La prima è “Storia di un maestro”, antologica sulla figura del maestro. Quindi l’esposizione intitolata “Maestro raccontami una storia”, che esplorerà il Manzi scrittore per ragazzi attraverso postazioni-gioco sui libri più famosi: Orzowei, Grogh e Tupiriglio. Infine la mostra “Educazione e divulgazione scientifica", che si compone di postazioni interattive per esperimenti scientifici a cura del Museo di Zoologia dell'Università di Modena e Reggio Emilia, che allestisce parte della sua collezione museale; una parte della mostra è riservata ai bambini con la riproduzione in formato gigante di alcuni capitoli dell'enciclopedia "Vedere e capire", oggi introvabile. La mostra resterà aperta fino al 21 dicembre.

Inaugurazione il 10 novembre alle ore 11,30, con la partecipazione di Massimo Mezzetti, assessore regionale alla Cultura, Adriana Querzè, assessore alla Scuola del Comune di Modena, Aldo Tomasi, rettore dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

Il convegno

Il 21 novembre a partire dalle ore 8,30 presso la sede della facoltà di Giurisprudenza in via San Geminiano 3 a Modena, si terrà il convegno "L'Avventura dell'Educazione scientifica". Scopo dell’incontro di studi è riflettere sullo stato attuale dell'educazione scientifica nella scuola di base: qualità didattica, criticità, esiti formativi anche alla luce di dati comparativi nel contesto europeo. I lavori si svolgeranno sia in plenaria che in sottogruppi per offrire maggiori occasioni di approfondimento e mettere a fuoco innovazioni, sfide e potenzialità dell'educazione scientifica oggi.

Il Premio Alberto Manzi

Sempre il 21 novembre serata dedicata alla IV edizione del Premio Alberto Manzi, che si terrà a partire dalle ore 21 presso il Teatro della Fondazione San Carlo, a Modena.

Scopo del Premio è quello di stimolare l’attenzione e la riflessione delle istituzioni, del sistema educativo e della comunicazione sull’importanza dei temi sviluppati dal maestro Manzi, una delle personalità più originali della pedagogia italiana contemporanea, che per primo “ha saputo utilizzare il mezzo televisivo a fini didattici per le fasce sociali più deboli”.

Nelle tre precedenti edizioni sono stati conferiti premi speciali a Piero Angela, Giovanni Minoli, Don Ciotti. Quest'anno il premio speciale andrà a Margherita Hack.

Il concorso è bandito dall’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, nell'ambito delle attività del Centro Studi Alberto Manzi, in collaborazione con la Giunta dell’Emilia-Romagna, il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, l'Università degli Studi di Bologna-Dipartimento di Scienze dell' Educazione e la Rai. Il Premio si compone di 3 sezioni per le quali sono previsti altrettanti riconoscimenti in denaro dell’importo di 2.500 euro, destinati ad autori di opere in lingua italiana che, nel corso del triennio 2010-2012, si siano distinte nel campo della comunicazione educativa e didattica nelle seguenti sezioni: editoria scolastica e divulgativa (ebook compresi); prodotti multimediali/interattivi (siti internet, giochi educativi, app); produzione audiovisiva/documentaristica e programmi radio-televisivi.

A partire da quest'anno il concorso prevede una quarta sezione didattica per le scuole di ogni ordine e grado, riservata a progetti non ancora realizzati, finalizzati all'educazione scientifica. L'obiettivo è di fornire uno stimolo sulla tematica scientifica, offrendo come spunto la vasta esperienza di Manzi in materia. La scuola vincitrice riceverà fino a un massimo di 2.500 euro, per realizzare, entro l'anno scolastico 2013-14, il progetto proposto.

È scaduto il 16 ottobre il termine fissato dal bando per concorrere al Premio Alberto Manzi sulla comunicazione educativa. Sono 158 i progetti arrivati, ora l’istruttoria della Giuria composta dai componenti il Centro Manzi: Regione (Assemblea e Giunta), Università di Bologna, Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e Rai. Innovazione, contenuto, fruibilità e sostenibilità saranno i parametri che verranno valutati per la selezione delle opere vincitrici. Entro il 21 novembre si procederà alla designazione dei vincitori delle 4 sezioni che saranno premiati nel corso della serata al Teatro San Carlo.

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sul portale www.scuola.rai.it e sul portale della Regione Emilia-Romagna www.regione.emilia-romagna.it

Il giorno 22 la notizia dei vincitori sarà pubblicata sul sito del Centro Manzi. www.centroalbertomanzi.it.

Il programma del convegno (pdf, 1.7 MB)

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/11/09 18:20:00 GMT+2 ultima modifica 2013-05-08T17:28:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina