giovedì 18.01.2018
caricamento meteo
Sections

(26/05/2014) - "Facciamo noi: una ricostruzione fantastica", il terremoto visto dai bambini in mostra a Bologna

Bologna - Una mostra che racconta il terremoto, visto con gli occhi dei bambini e dei ragazzi dell’Emilia-Romagna che lo hanno vissuto nel maggio del 2012.

Si intitola “Facciamo noi: una ricostruzione fantastica. Bambine/i e ragazze/i contro il terremoto” e sarà inaugurata a Bologna mercoledì 28 maggio alle ore 17 nella sala Manica Lunga di Palazzo d’Accursio. Saranno presenti l’assessore regionale alla Sicurezza territoriale Paola Gazzolo e l’assessore comunale alla Protezione civile Riccardo Malagoli.

L’esposzione rimarrà aperta al pubblico, con ingresso libero, dal 29 maggio all’8 giugno, dalle ore 9 alle 18.

Si tratta di una mostra diffusa, che animerà molti luoghi della città: da Palazzo d’Accursio, dove si concentra il nucleo principale, a Sala Borsa Ragazzi, da piazza dell’Unità al Fiera District, oltre a numerosi spazi pubblici ed esercizi commerciali. Protagonisti sono centinaia di oggetti (disegni, plastici, modellini, libri, macchine fantascientifiche) costruiti con materiale riciclato, che gli studenti di alcune scuole della regione hanno realizzato per raccontare in modo creativo l’esperienza vissuta e immaginare la ricostruzione.

Sono coinvolti gli Istituti Comprensivi di San’Agostino (Fe), San Felice sul Panaro (Mo), Crevalcore (Bo) e gli Istituti Aleotti e San Vincenzo di Ferrara, dove insegnanti e bambini hanno lavorato per un intero anno alla realizzazione della mostra nell’ambito del progetto “Edurisk”.
Dopo essere stati esposti nel 2013, sempre in forma diffusa, in oltre duecento spazi pubblici e privati dei quattro comuni coinvolti, i lavori approdano ora a Bologna nell’ambito della “Settimana regionale della protezione civile e della prevenzione dei rischi”, ideata dalla Regione per commemorare ogni anno l’anniversario del sisma.

I materiali esposti sono organizzati in sei aree tematiche: memorie, desideri, invenzioni, consigli, esperimenti, emozioni e sono proposti in un allestimento essenziale, così come pensati originariamente da bambini e bambine che hanno condiviso la tragica esperienza e pensato a possibili soluzioni fantascientifiche contro il terremoto, immaginando una ricostruzione a misura dei propri desideri.

La mostra è promossa dal Dipartimento nazionale di Protezione civile, Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (sezione di Bologna), Regione Emilia-Romagna (assessorati Protezione civile e Scuola) e Comune di Bologna, con il contributo della Fondazione geometri e geometri laureati dell’Emilia-Romagna e la collaborazione di tutti coloro che, in spazi pubblici o privati, ospitano i materiali.

Oltre che nella sala Manica Lunga di Palazzo d’Accursio, i lavori sono esposti in Sala Borsa, nell’area di piazza Maggiore (Farmacia comunale, Ufficio relazioni con il pubblico, Bologna Welcome, Fondazione Golinelli, libreria Giannino Stoppani, banche ed esercizi commerciali), negozi di piazza dell’Unità, Museo giardino geologico della Terza torre (via della Fiera), spazio Cubo di Unipol (piazza Vieira de Mello) e sede dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (via Donato Creti).

Azioni sul documento
Pubblicato il 26/05/2014 — ultima modifica 26/05/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it