mercoledì 25.04.2018
caricamento meteo
Sections

La storia della Grande Guerra riletta dai giovani di oggi

Ministero della Difesa e Miur invitano gli studenti a sviluppare temi sul significato storico del conflitto, entro il 28 febbraio

Nell’ambito delle iniziative didattiche realizzate per la Commemorazione del Centenario della Prima Guerra Mondiale, il Ministero della Difesa, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, indice il concorso nazionale “La Storia della Grande Guerra riletta dai giovani di oggi - Mai più trincee”.

Partendo dall'analisi dagli eventi che hanno caratterizzato la Prima Guerra Mondiale, gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado del territorio nazionale potranno elaborare dei temi di approfondimento sui vari aspetti storici e contemporanei: dal significato storico della ricorrenza all'importanza dell'integrazione europea, fino al contributo fornito dalle Forze armate italiane alla stabilità internazionale nelle missioni di pace all’estero.

I temi da sviluppare:

  • Traccia per le Scuole Primarie:
    “In relazione alla conoscenza sull’argomento del Centenario della Grande Guerra, si esprimano proprie considerazioni su questo episodio storico e quali moniti senti di poter affermare nei confronti dei cittadini italiani ed europei affinché simili conflitti non si ripetano più”
  • Traccia per le Scuole Secondarie di I grado:
    “Il Novecento è stato segnato da feroci e crudeli conflitti, nati proprio nel cuore del Continente europeo, che lo hanno sconvolto e lacerato, a partire proprio dalla “Grande Guerra”. Quali sono le riflessioni e le tue impressioni affinché le Nazioni, a partire da quelle europee, sviluppino una cultura ed un dialogo improntato a far emergere sempre lo spirito di fratellanza e civile convivenza tra i popoli”
  • Traccia per le Scuole Secondarie di II grado:
    “Il concetto di sicurezza non esprime, oggi, una condizione statica di “assenza di conflitti”, bensì una tensione dinamica verso sempre nuove e più efficaci forme di integrazione, comunanza di sforzi, solidarietà e amicizia fra i popoli. Nel 2012 l’Unione Europea ha ricevuto il premio Nobel per la pace, grazie al suo contributo nella trasformazione “di un Continente in guerra in un Continente di pace”. Quale pensi possa essere il contributo che l’Europa potrà ancora fornire alla pace e alla sicurezza internazionale affinché non si ripetano i terribili conflitti del Novecento. Quale potrà essere l’apporto dell’Italia per la pacifica convivenza tra i popoli, considerando anche l’impegno delle Forze Armate italiane a favore della stabilizzazione delle aree di crisi”

I temi dovranno essere consegnati entro il 28 febbraio 2015. Verranno premiati i migliori tre elaborati appartenenti a ogni categoria.

Per maggiori informazioni:

Azioni sul documento
Pubblicato il 04/12/2014 — ultima modifica 15/01/2015
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it