venerdì 19.01.2018
caricamento meteo
Sections

L'Europa cambia la scuola

Concorso nazionale del Miur rivolto alle scuole che hanno realizzato iniziative di cooperazione europea con scuole di altri Paesi. Invio degli elaborati entro il 15 giugno

La Direzione generale degli Affari Internazionali del Ministero per l'Istruzione promuove la sesta edizione del concorso "L'Europa cambia la scuola", rivolto a tutte le scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado e alle scuole dell'infanzia che abbiano realizzato iniziative di coooperazione europea.

Obiettivo del bando è promuovere una riflessione sul ruolo dell’Unione europea e le sue ricadute sulla vita della scuola. In particolare, il LABEL ha come riferimento il Programma “Istruzione e Formazione 2020” e  la strategia europea per apprendimento permanente (Lifelong Learning) e la cooperazione europea partendo dal presupposto che le  attività di cooperazione europea rafforzano i processi di autonomia e costituiscono importanti opportunità di miglioramento per la qualità dell’offerta formativa della scuola.

Il 2014 rappresenta un anno di particolare rilevanza per l’istruzione in dimensione europea: dal 1 gennaio è entrato in vigore Erasmus+, il nuovo Programma comunitario che raggruppa in un’unica cornice i precedenti Programmi per la scuola e l’università, l’istruzione e la formazione professionale, la gioventù e lo sport. Inoltre il 2014 è l'anno della Presidenza Italiana del Consiglio dell'Unione europea e del rinnovo del Parlamento Europeo.

Per partecipare

Le scuole che intendono partecipare devono raccontare il loro percorso di cooperazione con altre scuole in Europa mettendo in evidenza il cambiamento avvenuto nella scuola, l'esperienza e il valore aggiunto alla didattica e all'offerta fomativa.

Il bando è diviso in due sezioni, una riservata alle istituzioni scolastiche del primo ciclo di istruzione (Sezione A - scuola dell’infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado) l’altra rivolta agli istituti del secondo ciclo (Sezione B - Licei, Istituti tecnici, Istituti Professionali).

Sezione A - scuole del primo ciclo di istruzione

Alle scuole dell’infanzia, scuole primaria, scuole secondarie di primo grado si richiede di inviare un elaborato realizzato dalle insegnanti che racconti le esperienze di cooperazione attivate negli anni, la riflessione storico culturale sull’Unione Europea realizzata nella scuola, le iniziative messe in atto, l’interesse suscitato e la risposta degli allievi, delle famiglie e di tutto il personale scolastico coinvolto.

Il racconto potrà essere accompagnato da testimonianze scritte o disegnate realizzate dagli allievi anche insieme alle loro famiglie e da foto o brevi filmati (max 3 minut)i - trasmessi su supporto elettronico CD/DVD

Sezione B - secondo ciclo di istruzione

Per i licei, istituti tecnici e istituti professionali si richiede di inviare un elaborato realizzato dagli studenti,  a livello di classe o di gruppi di classi, anche in collaborazione con gli insegnanti, e già preselezionato a livello di istituto che racconti le esperienze di cooperazione alle quali gli allievi hanno partecipato durante il percorso scolastico e il progetto di riflessione storico culturale sull’Unione Europea realizzato nella scuola, la  ricaduta sull’accrescimento del senso civico e sulla  percezione di essere cittadini europei.

Il racconto potrà essere accompagnato da foto o brevi filmati - max 3 minuti - trasmessi in supporto elettronico CD/DVD. Gli elaborati  dovranno contenere fra le 300 e le 1000 parole.

L’elaborato dovrà essere inviato entro il 15 giugno 2014 al MIUR-Direzione Generale Affari Internazionali esclusivamente via posta certificata al seguente indirizzo: dgainternazionali@postacert.istruzione.it

Le 12 istituzioni scolastiche alle quali verrà attribuito il Label 2014 riceveranno un premio di euro 4.000 da destinare al sostegno dei processi di internazionalizzazione avviati o da avviare, non escludendo il supporto ad esperienze di mobilità in altri paesi europei per studenti e docenti.

Per maggiori informazioni:

Azioni sul documento
Pubblicato il 13/05/2014 — ultima modifica 21/05/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it