Diritto allo studio

Contributi per libri di testo e buoni libro

Cosa fa la Regione

Le risorse per assicurare la gratuità totale o parziale dei libri di testo agli studenti della scuola dell’obbligo (scuola secondaria di primo grado e primi due anni della scuola secondaria di secondo grado) e della scuola secondaria di secondo grado (ultimi tre anni della scuola secondaria di secondo grado) in disagiate condizioni economiche, sono messe a disposizione dallo Stato.

Le risorse, assegnate ai Comuni, consentiranno agli stessi Comuni di riconoscere il contributo alle famiglie beneficiarie.

La Regione approva i criteri e le modalità per la concessione dei contributi per l'acquisto dei libri di testo con l'obiettivo di garantire equità e uniformità territoriale e soddisfare tutte le domande da parte delle famiglie in possesso dei requisiti richiesti, sulla base delle risorse disponibili. Il contributo alle famiglie è proporzionale alla spesa sostenuta (indicata dalla famiglia con autocertificazione) che, in ogni caso, non può essere superiore al costo della dotazione dei testi della classe frequentata, stabiliti ogni anno dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

A chi rivolgersi

Servizio programmazione delle politiche dell'istruzione, della formazione, del lavoro e della conoscenza
viale Aldo Moro, 38
Segreteria Tel 051.527 3955 – 5688
Patrizia Berti
Cristina Vittori

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/11/26 16:25:00 GMT+2 ultima modifica 2018-09-04T14:53:48+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina