Il laboratorio delle mani

"Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio imparo"
"Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio imparo"
antico proverbio popolare
La mano è lo strumento più importante dell’uomo: è l’arto che caratterizza gli esseri umani da tutti gli altri esseri viventi del creato. Con la mano l’umanità è riuscita a costruire (e a volte a distruggere) intere civiltà. Con le mani la donna e l’uomo “comunicano”, “creano”, “scoprono”,  “ giocano”, “ lavorano”.
  • La mano comunica: abbraccia, accarezza, sfiora, saluta, protegge, porge... Sono gesti ed azioni quotidiane che esprimono comunicazione, affetto, sentimenti d’amore. Penso a due innamorati, a genitori e figli, ai nonni, alle amicizie profonde.
  • La mano crea: plasma, dipinge, scolpisce, mima, scrive, svela, volteggia…Sono i gesti e le azioni quotidiane delle espressioni artistiche. Penso allo scultore, al mimo, al burattinaio, al pittore, al prestigiatore, allo scrittore, al ballerino.
  • La mano scopre: muove, enumera, sposta, mischia, classifica, raggruppa, afferra, appunta... Sono i gesti e le azioni quotidiane di alpinisti, scienziati, ricercatori, archeologi, biologi.
  • La mano lavora: avvita, sega, imbullona, punta, assembla, progetta, zappa, falcia, guida, incide, estrae... Sono i gesti e le azioni quotidiane di chi nel lavoro usa soprattutto le mani: gli artigiani delle piccole botteghe, gli operai delle grandi officine, gli agricoltori delle campagne, ma anche i muratori, i macchinisti, i chirurghi, i dentisti.
  • La mano gioca: lancia, stringe, prende, ruota, manipola, preme, colpisce, taglia… Sono i gesti e le azioni quotidiane di coloro che giocano, nuotano, costruiscono giocattoli, si avventurano nel bosco: bambini, ragazzi e adulti.

laboratoriodellemani.jpgNoi tutti sperimentiamo la maggior parte di queste (ed altre) “azioni quotidiane”, ad eccezione di quelle connaturate con specifiche professioni. Tutte queste “abilità manuali”, comunque, non si improvvisano. Sono il frutto di un lungo esercizio, di un lungo apprendistato che si perfeziona nel corso degli anni . La data di inizio è il primo giorno di vita. Non ha praticamente termine, se non nel giorno della nostra morte.

Le opportunità manuali dell'esperienza ludica
I bambini e le bambine che hanno la fortuna di vivere l’esperienza del laboratorio della manualità si trovano ad avere un “tesoro fra le mani”. È infatti, una vera e propria bottega per l’apprendistato della manualità.

Il laboratorio delle mani è un luogo per poter imparare ad usare utensili e realizzare direttamente con le proprie mani vari oggetti. Alcuni esempi posso essere i nidi artificiali per gli uccelli e le mangiatoie, i giocattoli costruiti con materiali di recupero o con elementi naturali (legnetti di nocciolo, sambuco, sanguinello, canne… che facilmente si possono raccogliere  nelle siepi o lungo i fossi).


Alcuni consigli per un Laboratorio delle Abilitè Manuali a scuola
Usare strumenti di qualità e in maniera appropriata. Molto spesso è la prima volta che usiamo un attrezzo: è bene, allora, farci insegnare i “trucchi del mestiere” da chi il  mestiere lo fa di professione. Ci accorgeremo, allora, che una buona attrezzatura impedirà gli scoraggiamenti di fronte alle prime difficoltà ed ai primi errori.
E’ bene partire dal semplice e arrivate pian piano al complesso. Per maturare una abilità manuale è bene partire da realizzazioni semplici, dove si acquisiscono conoscenze e dimestichezza con i materiali e gli strumenti. Solo allora, in maniera progressiva, potremo avventurarci nelle realizzazioni più difficili e complesse.
Non cadiamo nella tentazione dei soldi. Oggi nella maggior parte delle tasche dei ragazzi ci sono più soldi di un tempo. C’è una mentalità generalizzata che ha creato l’idea  per cui “ il tempo è denaro” e che “bisogna risparmiare tempo”. È più facile, perciò, andare nel negozio specializzato e acquistare il giocattolo pubblicizzato, anzichè costruircelo da soli. È bello, invece, far da soli, gustando insieme i risultati finali e condividendo così le fatiche.
È bene, infine, abituarci a non lasciare i lavori a metà. È di grande soddisfazione poter ammirare i giocattoli realizzati completamente con le nostre mani.

Gli attrezzi e i materiali del laboratorio

Nella costruzione o riparazione degli oggetti c’è la possibilità di usare martelli, mazzotti, chiodi, forbici, taglierino, sega, righello, squadra, ago e filo, trapano a mano, gommapiuma, sfere di legno o di altri materiali, colle a caldo e vinavil, cera e polistirolo, straccetti di lana e di cotone, pennarelli e matite, aniline e tempere, sgorbie, cucitrice, tenaglie e pinze, pennelli e colori ad acqua, cartone, pneumatici usati, fil di ferro, assicelle di legno e cosi via.
Una parte importante di un laboratorio delle abilità manuali è anche quella degli strumenti per la riparazione delle biciclette, quelli cioè che usa il meccanico delle biciclette.

Azioni sul documento

pubblicato il 2013/01/25 15:43:05 GMT+2 ultima modifica 2013-01-25T16:43:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina