mercoledì 25.04.2018
caricamento meteo
Sections

Pari opportunità, i progetti formativi nelle scuole

Attività, progetti e percorsi didattici della Regione Emilia-Romagna nelle scuole del territorio per promuovere un cambiamento culturale sui ruoli di genere

L’Assessorato alle Pari Opportunità della Regione Emilia-Romagna ha da tempo individuato come uno degli assi prioritari della propria azione quello della promozione di ruoli di genere non discriminatori, nella convinzione che l’attuazione dei principi dui uguaglianza per le pari opportunità previsti dalla Costituzione ed in particolare dall’art.2, comma 1, lettera b, dello Statuto regionale (“la parità giuridica, sociale ed economica fra donne e uomini e la rimozione degli ostacoli che impediscono la piena realizzazione di tale principio”), necessita di un profondo cambiamento culturale.

In questi anni sono state infatti promosse e realizzate dalla Regione diverse attività su questi temi e in particolare sul superamento degli stereotipi di genere, frutto della preziosa collaborazione con diversi partners ed in primo luogo dei protagonisti del mondo della scuola.

 

I progetti formativi nelle scuole (a.s. 2011/2012)

Al via nelle scuole della regione nell'a.s. 2011/2012 progetti formativi che affrontino l’importanza della promozione delle pari opportunità di genere, con una specifica attenzione al contributo delle donne nello sviluppo della comunità regionale. Tra le azioni, lo studio delle tradizioni culturali, sociali, economiche e politiche del territorio d’appartenenza per promuovere e difendere le pari opportunità di genere.

Senza differenze non c'è uguaglianza (2012)

Puntata della trasmissione "Vista da vicino" sul tema degli stereotipi di genere. Una ricerca recentemente presentata rivela come non siano per nulla superate queste tematiche, ma anzi drammaticamente attuali. Lo studio, curato da ricercatrici del Centro Studi sul Genere e l'Educazione dell'Università di Bologna, ha interessato direttamente genitori, educatori, insegnanti e nonni, coinvolti in colloqui e compilazione di questionari che hanno fornito un quadro per nulla rassicurante, che vede gli stereotipi di genere già presenti in famiglia ben prima dell'impatto dei bambini con i mass media. La Regione Emilia-Romagna porta avanti un progetto nelle scuole per contrastare la formazione di luoghi comuni e spingere alla riflessione ed ad una maggiore consapevolezza insegnanti e ragazzi. Un esempio l'esperienza svolta all'ITC Rosa Luxemburg di Bologna che ha consentito di vedere sul campo il tipo di lavori e progetti sviluppati nelle classi. L'intervista all'assessore alle Pari opportunità della Regione Emilia-Romagna Donatella Bortolazzi.

Stereotipi di genere, relazioni educative e infanzie (progetto in corso)

Una ricerca-azione sui nuovi scenari sociali e le mutazioni nella genitorialità e delle rappresentazioni di genere: è questo l'obiettivo di "Stereotipi di genere, relazioni educative e infanzie", un percorso di confronto e analisi all'interno dei servizi per l’infanzia e dei centri per le famiglie della Regione Emilia-Romagna. Il progetto si propone di rilevare idee e rapprentazioni sui generi e sui rapporti tra i generi per i bambini da 0 a 6 anni, e in particolare per quello che riguarda il ruolo delle madri e dei padri nella genitorialità e dei servizi socio-educativi del territorio.

Concorso "pari opportunità e contrasto agli stereotipi di genere" (a.s. 2010/2011)

Nell’anno scolastico 2010-2011 il Concorso “Pari opportunità e contrasto agli stereotipi di genere” promosso e realizzato dall’Assessorato Pari Opportunità della Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale. Il Concorso, rivolto agli studenti del 3° e 4° anno degli Istituti Tecnici, intendeva contribuire alla sensibilizzazione sul tema del pieno riconoscimento della parità tra donne e uomini nella vita sociale, economica e politica, attraverso l’approfondimento del tema degli stereotipi di genere nelle relazioni sociali e professionali.

Documentazione:

CHI DICE DONNA...(marzo 2012)
Alcuni dati statistici per supportare le politiche di contrasto agli stereotipi di genere rivolte in particolare ai giovani. A cura dell'Assessorato Sviluppo delle Risorse umane e Organizzazione, Cooperazione allo sviluppo, Progetto giovani, Pari opportunità della Regione Emilia-Romagna

Ruoli di genere e conciliazione dei tempi della vita e del lavoro in Emilia-Romagna (2009)
Indagine dedicata ai ruoli di genere e alla conciliazione dei tempi vita-lavoro, a cura dellAssessorato regionale alle Pari opportunità e svolta dall’Istituto Carlo Cattaneo

Diritti e discriminazioni tra i giovani in Emilia-Romagna (2007)
Indagine sul tema della parità e delle pari opportunità tra i giovani, realizzata da Doxa su richiesta dell'Assessorato alle Pari Opportunità della Regione Emilia-Romagna.

Azioni sul documento
Pubblicato il 08/01/2013 — ultima modifica 12/05/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it