martedì 16.01.2018
caricamento meteo
Sections

"Liberi dalle mafie" nelle scuole medie di Ravenna

Più di 1700 studenti coinvolti nella sesta edizione del progetto promosso dal Comune di Ravenna per l'educazione alla legalità e sensibilizzazione contro le mafie

Sono 1.725 studenti di 65 classi seconde e terze di tutti gli istituti secondari di primo grado del Comune di Ravenna e, per la prima volta da quest’anno, del centro di formazione professionale Arti e Mestieri “Angelo Pescarini”, i protagonisti della sesta edizione di "Liberi dalle mafie", programma di educazione alla legalità e sensibilizzazione contro le mafie nelle scuole.

Obiettivo del progetto, promosso dal Comune di Ravenna in collaborazione con Associazione Pereira, Libera e Confesercenti Sos Impresa, è informare e sensibilizzare gli studenti e gli insegnanti coinvolti sulle tematiche relative alla lotta contro le mafie, alla promozione della legalità e della giustizia, all’educazione al senso civico e democratico e all’impegno contro ogni forma di corruzione.

Il progetto è stato realizzato con il contributo della Regione Emilia-Romagna, nell'ambito delle politiche regionali previste dalla legge regionale 3/2011 per la promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile.

Tra le attività formative rivolte agli studenti, sono in programma seminari su come usare le nuove tecnologie per fare “rete”, con particolare riferimento a blog e social network. I percorsi formativi per gli studenti, condotti dall’associazione Pereira, sono partiti a novembre. Si concluderanno, tra fine gennaio e fine febbraio, con appuntamenti che testimoni significativi avranno con gli studenti.

I ragazzi incontreranno: Antonio Anile, imprenditore vittima di usura; Matteo Luzza, familiare di una vittima di mafia della Calabria; Alfio Curcio, della cooperativa Beppe Montana Libera Terra di Siracusa; Salvatore Gibino, della cooperativa Pio La Torre (Sicilia); Roberto Fiorillo, della cooperativa Le Terre di Don Peppe Diana (Campania).

Azioni sul documento
Pubblicato il 17/01/2014 — ultima modifica 17/01/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it