martedì 24.04.2018
caricamento meteo
Sections

Raccogliamo miglia verdi

A Piacenza l’ottava edizione del progetto di educazione ambientale, che coinvolgerà circa 1500 studenti delle scuole primarie. C'è tempo fino al 30 aprile per partecipare

Il Comune di Piacenza da il via l'ottava edizione di "Raccogliamo miglia verdi", progetto didattico per le scuole primarie del territorio che prende spunto da una proposta lanciata nel 2003 dalla Commissione Europea e patrocinata dall’associazione “Alleanza per il Clima Italia Onlus”, filiazione dell’associazione internazionale Climate Alliance di Frankfurt/Main (Germania).

Portata a Piacenza dal CEAS Infoambiente, l’iniziativa coinvolgerà quest'anno 1546 studenti di 10 scuole primarie di città. L’obiettivo? Compiere buone azioni per raccogliere bollini verdi, ovvero "miglia" che aiuteranno a compiere un viaggio immaginario intorno al mondo, conoscere le emergenze ambientali, ma soprattutto trovare spunti per azioni di sostenibilità e giungere a Varsavia, prossima meta per la Conferenza ONU sul clima.

I premi consteranno in contributi e buoni acquisto, materiali ludico-didattici, attestati e saranno consegnati con un evento pubblico previsto in Piazza Cavalli per il 5 Giugno. La durata del concorso è dal 25 marzo al 30 aprile.

Il progetto

Si tratta di un progetto di educazione ambientale in cui i bambini si trasformano idealmente in viaggiatori che, realizzando “azioni sostenibili”, guadagnano di volta in volta un “miglio verde” che li fa procedere nel lungo viaggio immaginario che ogni anno copre l’intero pianeta e attraversa tutti i continenti.

L’iniziativa, legata a una premiazione, è un’occasione per gli studenti di scoprire le abitudini quotidiane di paesi lontani e per parlare così di sviluppo sostenibile per impegnarsi ad esempio  in una mobilità diversa da quella che congestiona il traffico e inquina l’aria delle nostre città.

Il progetto viene proposto come gara tra le classi partecipanti: gli alunni guadagnano miglia verdi effettuando buone azioni in ambito energetico, di mobilità sostenibile, gestione dei rifiuti e con l’acquisto di prodotti di filiera corta.

Regole per partecipare

Ai bambini viene consegnato un album con un certo numero di bollini autoadesivi necessari per partecipare a una gara in cui risulteranno vincitrici le scuole e le classi che avranno raccolto il maggior numero di miglia verdi. Le tematiche sono: mobilità sostenibile, risparmio energetico, risparmio idrico, gestione corretta dei rifiuti, alimentazione sostenibile.

Come ottenere i bollini per la mobilità

Ogni bollino verde rappresenta appunto un “miglio verde” che i bambini attaccano sull’album ogni qualvolta effettueranno il tragitto casa/scuola con mezzi eco-sostenibili: a piedi (a questo  proposito, il Pedibus è l’ideale), in bicicletta, in autobus o in car-pooling (un unico trasporto con altri compagni di scuola). Il bollino rosso è per i giorni in cui sarà usata l’auto per il solo trasporto personale.

Educare i bambini al rispetto e alla difesa dell’ambiente non può prescindere dall’accostare a una mobilità non inquinante anche i comportamenti quotidiani di risparmio delle risorse, trasformandoli in abitudini di vita. Ecco quindi che i bambini possono guadagnare altre “miglia verdi” attuando il risparmio dell’acqua, dell’energia elettrica, la raccolta differenziata dei rifiuti, l’uso di prodotti ecologici e l'acquisto di prodotti di filiera corta. Azioni da realizzare anche a casa, spingendo i familiari a certe attenzioni.

Trattandosi di una gara, sono previsti anche dei premi, fra i quali negli anni passati la possibilità di usufruire di un pullman per una gita nel piacentino o buoni acquisto per materiale didattico per la classe vincitrice.

Link utili

Azioni sul documento
Pubblicato il 28/03/2013 — ultima modifica 13/05/2016
< archiviato sotto: , >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it