lunedì 22.01.2018
caricamento meteo
Sections

Si parte! Avvio del percorso conCittadini

Percorso di cittadinanza attiva promosso dall'Assemblea legislativa e dedicato alle scuole, associazioni ed enti locali dell'Emilia-Romagna

Con l’apertura delle scuole riparte conCittadini, il progetto che promuove la Cittadinanza attiva dei giovani mettendo in rete, a livello regionale, scuole, enti locali e realtà terzo settore, che è coordinato e gestito dall’Assemblea legislativa e dall’Alma Mater Studiorum Università di Bologna attraverso il Centro Internazionale di Didattica della Storia e del Patrimonio (DiPaSt), in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna.

Si tratta di un percorso unico nel panorama italiano per la variegata e ricchissima rete territoriale che lo compone, dimostrando che la cittadinanza attiva delle giovani generazioni è patrimonio di tutti e che le istituzioni e la società civile possono dare un importante valore aggiunto al prezioso lavoro delle scuole.

Una varietà che racchiude Istituti comprensivi e piccole realtà scolastiche, comuni, unioni di comuni, parchi nazionali e regionali, aziende AUSL, corpi di polizia, associazioni di volontariato, parrocchie, Pro Loco, sedi ANPI, coordinamenti di Libera, ecc., e tante altre realtà che anno dopo anno scelgono di partecipare.

conCittadini si costruisce su un vero e proprio “patto della cittadinanza”, che mette insieme una comunità ricchissima, fatta di persone, istituzioni, ragazzi, realtà dell’associazionismo e istanze della società civile al lavoro sui temi che richiamano il vivere civile, la democrazia, il patto fra generazioni attraverso i filoni della Memoria, dei Diritti, del Patrimonio e della Legalità.

Per approfondire il percorso e le modalità di partecipazione, giovedì 29 settembre, alle ore 14.30 presso la Sala Fanti dell’Assemblea legislativa, in Viale Aldo Moro, 50 a Bologna, si terrà un incontro aperto a tutte le realtà interessate, dove saranno proposte le Linee Guida dell’Edizione 2016-2017.

Edizione che si apre con gli appuntamenti di formazione rivolti a quanti si accingono a progettare e realizzare percorsi educativi rivolti a gruppi di giovani dei propri territori, appuntamenti che quest’anno confluiscono all’interno del programma della Festa Internazionale della Storia, e sono riconosciuti come aggiornamento dal MIUR e gratuiti.

Giunta alla XIII edizione, la prestigiosa manifestazione, che quest'anno ha come titolo “La storia, patrimonio dell'Umanità”, si svolgerà dal 15 al 23 ottobre in piazze, chiostri, musei, biblioteche, aule universitarie, palazzi, strade di Bologna e di numerose altre città, affrontando aspetti che rendono più percepibili i nessi tra storia e attualità: l’arte, la moda, l’alimentazione, la letteratura, il teatro, la musica, lo sport.

La manifestazione si aprirà il 15 ottobre con il Passamano per San Luca, che rievoca lungo il portico di San Luca la lunga catena umana che nel 1677 permise di trasportare sul Colle della Guardia i materiali da costruzione del grande porticato a richiamare un impegno solidale per la sua tutela, salvaguardia e valorizzazione. Per partecipare con le proprie classi al Passamano occorre contattare la Dr.ssa Ilaria Micheletti del “Centro internazionale di Didattica della Storia e del Patrimonio” (DiPaSt): ilaria.micheletti@gmail.com

Riveste poi un particolare interesse per la didattica della Cittadinanza attiva il Convegno “Step by Step. Un patrimonio di esperienze per una pedagogia della cittadinanza” in programma a Bologna il 19 ottobre, all’interno del quale saranno presentate le esperienze europee di Educazione alla cittadinanza, compreso il percorso conCittadini. Questo e tutti gli altri eventi in programma sono a prenotazione obbligatoria entro e non oltre il 5 ottobre.

 

Per saperne di più

Azioni sul documento
Pubblicato il 16/09/2016 — ultima modifica 15/09/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it