Tornano i Centri estivi: 6 milioni di euro di “bonus rette” per sostenere le famiglie

Contributi della Regione ripartiti tra i Comuni e le Unioni di Comuni dell’intero territorio. Aiuti fino a 336 euro a figlio

Si avvicina l’estate e si pensa già ai Centri estivi. Per aiutare le famiglie, per il quinto anno consecutivo tornano i contributi della Regione Emilia-Romagna: 6 milioni di euro di “bonus rette” per sostenere i costi di frequenza.

Le risorse provengono dal Fondo sociale europeo e la Giunta le ha confermate anche per il 2022: vengono ripartite tra i Comuni e le Unioni di Comuni dell’intero territorio per favorire la più ampia partecipazione di bambini, bambine, ragazze e ragazzi all’offerta educativa estiva e offrire ai genitori servizi di conciliazione dei tempi vita-lavoro.

I fondi servono a finanziare i bonus per le famiglie con figli dai 3 ai 13 anni (17 se con disabilità certificata), quindi nati dal 2009 al 2019, che potranno contare su un contributo massimo di 336 euro a figlio - nel limite di 112 euro a settimana - per la frequenza ai Centri estivi. I contributi concorreranno alla copertura totale o parziale, in funzione del costo effettivo, della rata di frequenza settimanale.  

A chi e come vengono assegnati i contributi

Anche nel 2022, come per gli anni precedenti, i contributi vengono concessi alle famiglie (anche affidatarie) composte da entrambi i genitori, o uno solo in caso di famiglie monogenitorialioccupati e residenti in Emilia-Romagna, che intendono iscrivere i loro bambini e ragazzi di età compresa tra 3-13 anni, nati cioè dal 1° gennaio 2009 al 31 dicembre 2019, alle attività estive.

Possono chiedere il bonus anche le famiglie nelle quali uno o entrambi i genitori siano in cassa integrazione, mobilità, disoccupati purché abbiano sottoscritto un Patto di servizio, quale misura di politica attiva del lavoro (strumento utilizzato dai Centri per l'impiego per formalizzare un accordo con disoccupati e occupati sul progetto per l'inserimento lavorativo o la partecipazione a un percorso formativo).

Infine, se anche un solo genitore è impegnato in modo continuativo in compiti di cura, se nel nucleo familiare è presente una persona con disabilità grave o non autosufficiente.

Per fare richiesta è necessario presentare l’attestazione Isee 2022 o, in alternativa per chi non ne fosse in possesso, quella 2021, con limite massimo di reddito entro i 28mila euro. Inoltre, potranno essere ammessi al contributo per l’abbattimento della quota di iscrizione i bambini e i ragazzi con disabilità certificata ai sensi della Legge 104/1992 di età compresa tra i 3 e i 17 anni (nati all’01/01/2005 ed entro il 31/12/2019) indipendentemente dall’attestazione Isee delle famiglie.

Il commento

L’atto con il quale la Giunta definisce il pacchetto di aiuti alle famiglie è stato presentato il 21 aprile 2022 in Commissione assembleare dalla vicepresidente con delega al Welfare e Politiche giovanili, Elly Schlein.
“Per il quinto anno consecutivo non facciamo mancare il sostegno concreto ai più giovani nell’accesso alle opportunità estive, educative e di socialità, ma anche ai genitori nella conciliazione dei tempi di vita e di lavoro durante l’estate, periodo particolarmente complesso dal punto di vista organizzativo - ha sottolineato Schlein -. È fondamentale che sempre più famiglie possano usufruire di questo aiuto, che in caso di bambini e ragazzi con disabilità abbiamo voluto estendere ulteriormente”.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/04/26 10:01:51 GMT+2 ultima modifica 2022-04-26T10:01:52+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina