Borse di studio ministeriali a.s. 2019/2020: nuova finestra di erogazione

Le famiglie beneficiarie possono recarsi alle Poste per le riscossioni fino al 31 maggio 2021

Il Ministero dell’Istruzione ha comunicato che è stata concessa una nuova finestra entro cui le famiglie possono recarsi nuovamente agli uffici postali per incassare le borse ministeriali per l’anno scolastico 2019/2020: il nuovo termine per le riscossioni è il 31 maggio 2021.
Sono interessati tutti i beneficiari che non hanno potuto riscuotere la borsa di studio entro la precedente scadenza del 31 marzo 2021.
Le modalità di erogazione sono le seguenti.

Modalità di erogazione studenti beneficiari minorenni

Per gli studenti beneficiari minorenni è necessario che un genitore che esercita la responsabilità genitoriale o chi ne fa le veci, si rechi in Ufficio Postale munito:

  • dell’originale del proprio documento di identità in corso di validità, ciò per l’identificazione;
  • dell’originale del proprio codice fiscale;
  • dell’originale del documento di identità in corso di validità dello studente beneficiario della borsa di studio;
  • dell’originale del codice fiscale dello studente beneficiario della borsa di studio;
  • della copia compilata della dichiarazione sostitutiva, pubblicata anche all’interno del Portale dello Studente, da firmare esclusivamente davanti all’operatore dell’ufficio postale. 

Previa esibizione a sportello dei suddetti documenti, il genitore che esercita la responsabilità genitoriale o chi ne fa le veci comunica all’operatore di sportello di dovere incassare un “Bonifico domiciliato” erogato dal MIUR. La dichiarazione sostitutiva è necessaria per auto-dichiarare l’idoneità a esercitare l’atto di riscossione della borsa di studio in qualità di soggetto esercente la responsabilità genitoriale.

Nota solo per i tutori/curatori: è necessario esibire a sportello il provvedimento di nomina dell’eventuale tutore/curatore, in copia autentica, per incasso richiesto da soggetto che esercita la rappresentanza legale, per verificare l’idoneità a esercitare l’atto di riscossione della borsa di studio in qualità di soggetto esercente la rappresentanza legale.

Modalità di erogazione studenti beneficiari maggiorenni

Per gli studenti beneficiari maggiorenni è sufficiente che il beneficiario si presenti in un qualsiasi ufficio postale munito di documento d'identità in corso di validità e del proprio codice fiscale, comunicando all’operatore di sportello di dovere incassare una borsa di studio erogata dal MIUR attraverso un “Bonifico domiciliato”. Non sono ammesse deleghe alla riscossione del contributo economico.

Per maggiori informazioni consultare il sito ioStudio - il Portale dello Studente (istruzione.it)

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/04/13 12:04:00 GMT+2 ultima modifica 2021-04-14T11:00:18+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina